Home / News / Sabatini: «La Roma di Zeman sarà da Champions Attacco da 70 gol»

Sabatini: «La Roma di Zeman sarà da Champions Attacco da 70 gol»

Alla fine, l’obiettivo l’ha fissato anche lui. «Non saremo mai la  Rometta, nonostante il fallimento della scorsa stagione. Guardiamo alla  , è chiaro.

Come? Con una squadra forte, che attacchi e  diverta. E che porti i nostri attaccanti a segnare 70 gol». Considerando  che lo scorso anno sono stati in tutto 40, sarebbe già un triplo salto  in avanti. Anche se Walter SabatiniCalciomercato: Luis Enrique ha le idee chiare. Kjaer, Lucho Gonzalez, Marko Marin. Leggi tutto ... », alla fine, ieri di obiettivi ne ha  fissati anche altri, ufficializzandone alcuni.

sabatini walter 300x199 Sabatini: «La Roma di Zeman sarà da Champions Attacco da 70 gol»Niente scudo La Roma  da oggi è a Riscone, nel pomeriggio il primo allenamento del ritiro e  domenica il primo test (con presentazione della 3a maglia). Ieri a  Trigoria si è affacciato anche De Rossi, che ha salutato il gruppo e si è  fermato con ZemanBologna-Roma 3-3. Un pari che non serve a nulla. Leggi tutto ... ». «Ma il mister non è uno scudo spaziale che ci  difende, non è venuto a fare il tappabuchi — dice Sabatini —. Anzi, mi  sta rigenerando. Sono preoccupato per la difesa e lui mi risponde  sempre: “Non preoccuparti, noi attaccheremo”». Già, ma la difesa è il  reparto su cui intervenire pesantemente. Perché Burdisso è di ritorno da  un infortunio, Dodò si è già fermato (infiammazione al ginocchio  sinistro, quello operato 7 mesi fa) e sugli esterni si fa fatica. «Rosi  resta ancora un po’, il mister lo vuole vedere, proprio come José Angel.  Zeman mi ha detto: “Lascialo qui, è un po’ imbranato, ma ha prerogative  importanti”. Poi tra 20 giorni può cambiare tutto». José Angel è  destinato ad andar via, a sinistra arriverà uno nuovo. Esattamente come a  destra. «Lì stiamo per prendere uno straniero importante, forte. Nessun  top player, ma nomi roboanti sì». Chi è? La Roma ha seguito a lungo  Debuchy e Azpilicueta, ma l’identikit è altrove: al momento il favorito è  Bosingwa, favorito su Fucile.

Nuovi Intanto, Castán, Tachtsidis e  Bradley sono oramai della Roma. A confermarlo (indirettamente) è stato  proprio il d.s., che su ognuno si è soffermato a lungo. «Castán non sarà  il nuovo Thiago Silva, ma è un giocatore dominante. Non capisco perché  si considera un top player Piqué, che ha giocato una finale di  Champions, e non Leandro, che ha giocato la finale di Libertadores. E  con lui prenderemo un altro o due centrali di difesa. Bradley, invece, è  pragmatico, sicuro, sa voler vincere le partite. E non è un’operazione  di marketing. Tachtsidis? Lo vuole Zeman, mi ha detto “prendimelo e lo  trasformo in un campione”».

Empatia Già, Zeman, con cui Sabatini («Se  Lamela sarà una buca, e non lo sarà, sarò stato tanto asino da dover  lasciare la Roma») ha trovato subito feeling. «E non dipende solo dal  fumo», dice ridendo. Probabilmente, più di quanto ne avesse con Luis  Enrique. «La Roma Montessori ha provato a educare anche OsvaldoOsvaldo: miglior inizio stagione da quando gioca in Europa. Leggi tutto ... ». È un  personaggio in cerca d’autore, a volte ha avuto comportamenti un po’  bizzarri. Ma ce lo teniamo stretto, è incedibile». A meno che… «Nel  mercato può succedere di tutto. Destro? Restiamo vigili. Se si potrà  intervenire, lo faremo». Come proverà a piazzare Pizarro e Borriello («Li sta emarginando la storia di questo club»), respingendo le voci di  frattura con Baldini: «Io sono conflittuale con tutti e a volte anche  con Franco. Ma lavoriamo in sintonia, è un grande dirigente».

(GAZZETTA DELLO SPORT)

About ASRV

Mi chiamo Fabrizio, padre di due bellissime principesse e tifoso da sempre, ormai 40 anni, della AS Roma unica vera Squadra della Capitale
Scroll To Top