Home / ASRoma News / Ecco come sta cambiando la AS Roma

Ecco come sta cambiando la AS Roma

Lo stadioIl direttore de Il Tempo: Il nuovo stadio della Roma sarà bellissimo. Leggi tutto ... » fitto di bandiere giallorosse è un’immagine sfocata. Un’atmosfera sconosciuta ai più piccoli, che sopravvive nella nostalgia dei più grandi. Ci vorranno tempo, performance sportive e un impianto di proprietà, per restituire la scena. La Roma sa che certi risultati, sul campo e sugli spalti, non si improvvisano. Ma perché mandare sprecato anche un giorno? L’amore che lega il popolo romanista alla propria squadra è un patrimonio che va rispettato: il punto di partenza naturale di qualsiasi progetto, una dote forse più grande della Roma stessa.

C’è da arrendersi: non al vuoto degli spalti, ma all’idea che serva ogni sforzo per ribaltare la tendenza. Per certi versi, si tratta pure di non farsi cogliere impreparati se dovesse arrivare un successo inaspettato: la Juve non immaginava di vincere lo scudetto, mentre si preparava a migliorare il rapporto con il proprio pubblico. Se è vero che esiste più distanza tra zero e uno, che non tra uno e cento, la Roma i primi passi già li ha mossi: lavora per regalarsi una nuova casa e nel frattempo ha attivato canali (finora inesplorati nella Capitale) per riprendersi i suoi tifosiPrimo obiettivo DiBenedetto: riportare i tifosi allo stadio. Leggi tutto ... ». Lo Stadio OlimpicoArchitetto Zavanella: Lo stadio? Abbiamo avuto contatti non solo con i Sensi. Leggi tutto ... » (con la partnershipLa Roma si affida alla Legends per il Naming Rights del futuro Stadio della Roma. Leggi tutto ... » con il Coni) può essere il luogo dove sperimentare il futuro. Il centro servizi – un numero dove poter chiamare ed essere chiamati per fare l’abbonamento o ricevere altre informazioni utili – è un sasso nello stagno, il segnale che qualcosa si sta muovendo: scatta la segreteria, prima di arrivare all’operatore ecco la voce di Francesco TottiRoma-Basilea, dubbio De Rossi. Ranieri riparte da Totti. Leggi tutto ... ». «Benvenuti in As RomaLa Roma cambia sede. Si torna nel centro della Capitale. Leggi tutto ... »». Vi raccontiamo il lavoro che c’è dietro.

Ecco come sta cambiando la AS RomaDovesse squillarvi il cellulare e dall’altra parte sentiste dire «buongiorno, siamo dell’As Roma», non pensiate che sia uno scherzo. Lo stupore, in realtà, sarebbe pure lecito, perché in fondo, voi tifosi, non siete mai stati chiamati dalla vostra squadra del cuore. I tempi cambiano, non sempre in peggio. Da tre settimane è attivo il centro servizi per i supporter giallorossi, potete sottoscrivere o chiedere informazioni sugli abbonamenti (componendo lo 06-89386000), sì, ma anche essere contattati.

Nella Palazzina Ruggeri, Stadio Olimpico, di fronte al vecchio ingresso del Bar del Tennis, c’è un team di ragazzi che lavorano per coltivare il legame tra la gente e la Roma: servizio attivo dal lunedì al venerdì (presto fino al sabato), ore 9.30 – 18, circa quattrocento interazioni al giorno, tra chiamate in entrata e in uscita, il tutto per promuovere la campagna abbonamenti della nuova stagione. «T’ho riconosciuto, Franco! Non fare lo scemo, dai…»: capita di rispondere anche così, quando si è convinti di essere caduti nella trappola di un amico. Non vai mica a pensare che sia la Roma, sul serio. Risolto il dubbio, ci si può confrontare con uno dei dodici collaboratori di Eric Solem, il responsabile della nuova area. Gli operatori si dividono tra il servizio base e il premium, quello dedicato alle poltrone più speciali. Il collegamento con il sistema Lottomatica è immediato, provvedono loro a tutto. Verrete istruiti, volendo, anche per agire on line.
Muniti di tutte le tecnologie necessarie, i ragazzi saranno disponibili a soddisfare ogni curiosità: proposte, reclami, iniziative. O più semplicemente abbonamenti, inclusi quelli che non richiedono la famigerata tessera del tifosoGenoa-Roma 20 febbraio 2011 ore 15.00. Info biglietti e costi. Leggi tutto ... », in tutti i settori dello stadio (consegna a domicilio o ritiro al desk su appuntamento). Una raccomandazione: il centro servizi non può darvi soffiate sulle operazioni di mercato.

La pronuncia fa il suo effetto. E tradisce le origini: Minnesota, America, of course. Dà del tu al futuro, Eric Solem, responsabile dell’area ticketing scelto dagli Usa, mentre fissa l’obiettivo: «Uno stadio sold out». Tutto esaurito. Se al momento risulta impossibile, non è detto che non sia immaginabile. E programmabile.
«Dagli americani abbiamo avuto l’input di creare un altro canale per i tifosi della Roma». Il centro servizi, appunto. «Vogliamo invertire la tendenza negativa della campagna abbonamenti dello scorso anno, soddisfare le esigenze dei nostri sostenitori, monitorare le risposte e migliorare costantemente le proposte»: la Roma vuole dare una svolta al modo di intendere il rapporto con i propri tifosi. Un taglio netto con il passato. E i risultati, al netto dell’effetto Zeman, iniziano a vedersi: «Abbiamo superato quota 20 mila abbonati – racconta Solem – oltre il 90% della Curva SudDan Meis studia la nuova Curva Sud dello Stadio della Roma. Leggi tutto ... » è andato via e la vendita procede bene anche nelle tribune». Trentamila tessere è il traguardo non dichiarato, che sotto sotto la società spera di poter festeggiare.

La scorsa stagione ha riscosso successo l’iniziativa legata alle famiglie, un settore dedicato (distinti nord – lato Tribuna Tevere) al quale da quest’anno sarà possibile abbonarsi: «E’ una di quelle iniziative, al pari del Village, che raccontano la volontà di modificare il modo di vivere la partita. La gente deve tornare a sentirsi sicura. Con il Coni condividiamo l’obiettivo». In questo contesto si inserisce l’evento del 19 luglio, quando l’Olimpico si aprirà a tutti i tifosi romanisti, che avranno l’opportunità di vedere da vicino i propri beniamini. Il team di Solem si sta preparando ad interagire con i partecipanti. Mentre la società continua a vagliare progetti per portare i turisti allo stadio: «Dobbiamo dare anche a loro l’opportunità di arrivare in modo agevole a vivere l’esperienza dello stadio, possiamo farcela già da quest’anno».

Condividono l’obiettivo, il Coni e la Roma: concedere al tifoso un’esperienza diversa dello stadio. Più che rinnovata, la partnership con i proprietari dell’Olimpico è stata rivoluzionata. L’ultimo accordo prevede una serie di lavori per migliorare l’impianto, con particolare riguardo a quello che nel call center della Roma è stato definito servizio premium: palchi, superpalchi, zone esecutive, poltrone riscaldate, schermi interattivi.
Una sorta di antipasto del futuro, in attesa che il club di Trigoria riesca a realizzare l’impianto di proprietà. La tribuna d’onore è stata notevolmente allargata, per il primo anno sarà possibile abbonarsi anche nella zona solitamente riservata alle autorità; alle spalle, nella pancia dello stadio, ecco un open space in stile Eataly (l’architetto è lo stesso che ha progettato gli spazi del marchio che riunisce le aziende del settore enogastronomico), dove intrattenersi prima, durante e dopo il match.

Volete far combaciare un appuntamento di lavoro con la partita della Roma? La zona esecutive è stata progettata apposta. Dalle ottocento dello scorso anno (tribuna autorità inclusa), le poltrone speciali diventeranno duemila: sin da oggi ci si può garantire il posto per tutta la stagione – i prezzi degli abbonamenti vanno dai 3.500 ai 10.000 euro (per seggiolino) dei superpalchi -, gli organizzatori sono convinti di mandare esaurita l’area entro l’inizio del campionato, viceversa si potrà acquistare anche un singolo biglietto o pacchetti studiati ad hoc. Con circa 180 euro, l’Olimpico si presenterà come non lo avete mai visto. Il resto, ovviamente, è nelle mani, o meglio, nei piedi di Totti e compagni.
Per un assaggio è possibile rivolgersi al centro servizi: vi daranno appuntamento alla Palazzina Ruggeri e vi accompagneranno in un suggestivo tour che passa per i sottopassaggi dello stadio, fino all’uscita sul prato: da quell’apertura avrete visto uscire mille volte i vostri beniamini. Ma in fondo, non sapete cosa vi aspetta.

CORSPORT (S. DI SEGNI)

About ASRV

Mi chiamo Fabrizio, padre di due bellissime principesse e tifoso da sempre, ormai 40 anni, della AS Roma unica vera Squadra della Capitale
Scroll To Top